Navigation

NE: procura ricorre su assoluzione Perrin discriminazione razziale

La procura di Neuchâtel ha annunciato oggi che ricorre contro l'assoluzione dall'accusa di discriminazione razziale dell'ex consigliere di Stato neocastellano ed ex consigliere nazionale Yvan Perrin (nella foto). KEYSTONE/LAURENT GILLIERON sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 24 luglio 2020 - 19:29
(Keystone-ATS)

La procura di Neuchâtel ha annunciato oggi che ricorre contro l'assoluzione dall'accusa di discriminazione razziale dell'ex consigliere di Stato neocastellano ed ex consigliere nazionale Yvan Perrin (UDC).

Lo scorso 15 luglio il Tribunale di polizia di Neuchâtel non ha seguito il ministero pubblico che lo accusava di aver propagato un'ideologia volta a denigrare i musulmani.

Ai primi di aprile del 2019, Perrin ha pubblicato commenti sul suo account Facebook. In particolare egli collegava il Museo delle Civiltà Islamiche di La Chaux-de-Fonds con il movimento dei Fratelli Musulmani, considerato da alcuni Stati come organizzazione terrorista. In tribunale Perrin ha dichiarato che le sue osservazioni erano rivolte a questo specifico movimento e non ai musulmani in generale o all'Islam.

La procura aveva richiesto una pena pecuniaria di 90 aliquote giornaliere di 30 franchi (2700 franchi), con la condizionale per due anni.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.