Navigation

NE: salario minimo, bilancio è positivo per Consiglio di Stato

La città di Neuchâtel KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 novembre 2019 - 11:55
(Keystone-ATS)

Il Consiglio di Stato neocastellano stila un bilancio positivo dell'introduzione, nel 2017, del salario minimo: le disposizioni sono sostanzialmente rispettate e non c'è stato alcun freno alla creazione di impieghi.

"L'introduzione del salario minimo nel cantone non ha avuto effetti negativi, né ha frenato la dinamica della creazione di posti di lavoro", ha indicato oggi l'esecutivo in una nota. Contemporaneamente si è anzi osservato una diminuzione del ricorso all'aiuto sociale, ha indicato il Consiglio di Stato ammettendo comunque la difficoltà nel determinare fino a che punto le due cose siano effettivamente legate.

Su 30 casi - riguardanti 233 lavoratori - osservati nel periodo 2017-2018, la Commissione tripartita di osservazione del mercato del lavoro ha identificato nove dossier che non rispettavano il salario minimo previsto. Ma in tutti questi casi i datori di lavoro hanno poi seguito le raccomandazioni emesse.

Neuchâtel è stato il primo Cantone a disporre di una legge che stabilisce una busta paga minima. L'ammontare della retribuzione è regolato nella legge. Il Gran Consiglio lo ha fissato a 20 franchi all'ora, somma che va adeguata all'inflazione. Per il 2019 è quindi pari a 20,08 franchi all'ora.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.