Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Processo "del secolo" a Neuchâtel per traffico di varie centinaia di chili di droga (foto d'archivio)

KEYSTONE/MARTIAL TREZZINI

(sda-ats)

Il Tribunale criminale di La Chaux-de-Fonds (NE), confrontato con una vicenda criminale di rara portata, ha condannato oggi il principale imputato per un traffico di varie centinaia di chilogrammi di cocaina e marijuana a otto anni di reclusione.

Il ricorso della difesa è certo, quello del ministero pubblico assai verosimile. Contro altri tre imputati la Corte ha pronunciato rispettivamente una pena detentiva di 33 mesi da scontare e due pene sospese.

I quattro sono stati riconosciuti colpevoli, in particolare, di infrazioni gravi alla legge sugli stupefacenti e riciclaggio di denaro, reati commessi all'interno di una banda più vasta dedita al traffico internazionale di droga.

Secondo l'atto d'accusa, i quattro imputati hanno partecipato alle attività illecite tra maggio 2011 e settembre 2015. Hanno sfruttato sotterfugi per far consegnare centinaia di chilogrammi di cocaina dall'America Latina all'Europa oltre che per far passare in Svizzera, da Albania e Kosovo, centinaia di chilogrammi di marijuana.

Gli stupefacenti erano nascosti tra merci lecite trasportate in container per via marittima e aerea: il trucco consisteva nel far passare i carichi per fiori, asparagi, gamberetti, filetti di pesce persico, mobili o, ancora, funghi. I quattro sono stati arrestati nel 2015 dopo una lunga inchiesta. Il processo, quello "del secolo" nel canton Neuchâtel secondo la stampa locale, si è aperto lunedì e si è svolto sotto severa sorveglianza di polizia.

Il verdetto non convince né la difesa né l'accusa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS