Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il segretario di Stato agli affari esteri Yves Rossier si è espresso oggi a Ginevra sul difficile equilibrio tra sovranità nazionale e apertura all'estero, in particolare all'Unione europea. Restare a distanza è possibile, ma bisogna essere pronti a pagarne il prezzo, ha avvertito l'alto funzionario, ultimamente oggetto di critiche per le concessioni giudicate eccessive fatte a Bruxelles nelle trattative da lui condotte con l'UE.

"La Svizzera deve assicurarsi un margine di manovra più grande possibile massimizzando i vantaggi di non far parte dell'Unione europea e minimizzando gli svantaggi", ha affermato Rossier al Club della stampa. Come esempi di vantaggi ha citato la possibilità di concludere un accordo di libero scambio con la Cina e la politica attiva della Svizzera sul piano della pace, dei diritti dell'uomo e dello sviluppo.

Teoricamente, la Svizzera potrà rifiutare le richieste dell'Unione europea. "Ma bisogna mettere sul piatto della bilancia le conseguenze, i costi e che cosa si spera di ottenere", ha sottolineato Rossier. "Assumere un atteggiamento più fermo o minacciare non è credibile se non si è pronti a pagarne il prezzo", ha continuato.

"È sbagliato dire che non siamo niente senza gli accordi con l'UE, così come affermare che gli accordi servono solo gli interessi dell'UE", ha dichiarato Rossier.

Accontentarsi dello status quo vorrà dire pagare un prezzo elevato, secondo il segretario di Stato. Il Consiglio federale ha ritenuto la scorsa settimana che vale la pena definire un nuovo mandato di negoziazione, ha concluso il diplomatico. Il governo è andato incontro a Bruxelles, preconizzando la possibilità che la Corte di giustizia dell'UE si pronunci sui problemi d'interpretazione relativi all'adozione da parte della Svizzera del diritto europeo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS