Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nuovo record di condanne penali l'anno scorso in Svizzera: nel 2012 sono state emesse 105'678 sentenze, il 9,8% in più rispetto all'anno precedente. Ad aumentare sono soprattutto i reati contro il patrimonio, come pure le violazioni delle leggi sugli stranieri e sugli stupefacenti. Tra le sanzioni inflitte, c'è stato un forte aumento delle pene detentive di breve durata senza condizionale, ma la pena pecuniaria rimane quella "preferita" dai giudici.

Come negli anni precedenti, riferisce oggi l'Ufficio federale di statistica (UST), una buona metà delle condanne emesse (il 51,5%) riguarda l'inosservanza della legge sulla circolazione stradale. Le condanne per violazione del Codice penale sono state il 35,1%, mentre quelle per il non rispetto della legge sugli stranieri e della legge sugli stupefacenti sono state rispettivamente il 15,9% e il 5,5%.

Tra le violazioni del Codice penale (37'132 le sentenze), le condanne per delitti contro il patrimonio rappresentano la metà del totale e nel 2012 sono salite del 20,6%. Tra i reati contro il patrimonio, il furto semplice è quello commesso più frequentemente ed è in crescita del 30%. L'aumento dei furti ha portato anche a una progressione delle condanne per violazione di domicilio, danneggiamento, ricettazione e favoreggiamento.

L'UST segnala pure che il 41,5% delle condanne per reati contro il patrimonio è stato inflitto a stranieri detentori di un permesso B (dimora) e C (domicilio). In un anno i reati commessi da questo gruppo di persone sono aumentati del 47,3%.

Nel 2012 è salito anche il numero di condanne per lesioni gravi, passato da 126 a 156 (+23,8%). Per l'UST, l'incremento si spiega in parte con il cambiamento avvenuto nella predisposizione alla denuncia. Il numero di lesioni semplici, invece, è rimasto praticamente invariato rispetto al 2011 (+1,8%).

In forte aumento sono risultate anche le violazioni della legge sugli stranieri che, con 16'849 condanne, lo scorso anno hanno segnato un nuovo record (+17,5%). Incremento sostenuto pure per le condanne per violazioni della legge sugli stupefacenti (+20,7%). Con 5848 casi, queste rimangono comunque al di sotto del picco registrato nel 2010 (6414).

Le sentenze per questo tipo di reati sono emesse nel 44,7% dei casi contro stranieri senza domicilio permanente in Svizzera. I reati commessi da questa categoria di persone sono aumentati in un anno del 41,2%.

Tra le condanne inflitte dai tribunali, la pena pecuniaria è quella che viene inflitta più spesso (85,6% di tutte le condanne). Tale sanzione è stata inflitta 90'454 volte, pari a un aumento dell'8,1% rispetto al 2011.

Le condanne a un lavoro di pubblica utilità sono calate del 10% e hanno raggiunto quota 2865. Forte aumento, invece, per le pene detentive senza sospensione condizionale (+36,5%) Tra queste ultime, nel 2012 si è assistito a un forte aumento di quelle di breve durata (fino a un mese), salite da 1427 a 2421 (+69,7%).

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS