Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel 2016 la flotta mondiale ha perso, fra affondamenti, incagli, esplosioni, incendi e altri incidenti, 85 navi. Numeri dimezzati in dieci anni e scesi del 16% rispetto al 2015.

Il rapporto Safety & shipping review 2017 presentato da Allianz global corporate & specialty che ha preso in esame le perdite marittime per imbarcazioni sopra le 100 tonnellate di stazza lorda, rileva anche una riduzione complessiva degli incidenti nel trasporto marittimo, scesi a 2.611 (-4%) grazie alla maggiore attenzione degli armatori alla sicurezza. Ma avverte che nuovi rischi provengono dalla riduzione dei costi in un periodo di debolezza economica, dalle normative e dai cyber attacchi.

Le acque della Cina meridionale e del sud est asiatico sono state nel 2016 le zone in cui si è verificata la principale perdita delle navi: oltre un quarto, cioè 23 bastimenti, sono stati irrimediabilmente danneggiati nei mari di Cina meridionale, Indocina, Indonesia e Filippine, area marittima che è stata per un decennio il punto più sensibile. Subito dopo vengono il Mediterraneo Orientale e il Mar Nero, con 12 perdite e il maggior numero degli incidenti totali, 563 nel 2016. "Quest'area ha sostituito le isole britanniche come principale luogo di incidenti nell'ultimo decennio" sottolinea il rapporto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS