Navigation

Nel 2019 in leggero calo del consumo svizzero di elettricità

Nel 2019 il consumo di elettricità in Svizzera ha registrato una leggera flessione (-0,8%), dovuta soprattutto all'aumento dell'efficienza energetica, KEYSTONE/JEAN-CHRISTOPHE BOTT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 17 aprile 2020 - 10:53
(Keystone-ATS)

Nel 2019 il consumo di elettricità in Svizzera ha registrato una leggera flessione (-0,8%) malgrado lo sviluppo economico e l'incremento demografico. Il calo è dovuto soprattutto all'aumento dell'efficienza energetica, rileva l'Ufficio federale dell'energia (UFE).

Nel 2019 il consumo nazionale lordo è stato di 61,5 miliardi di chilowattora. Dedotte le perdite legate alla trasmissione e alla distribuzione è risultato di 57,2 mia. kWh. Rispetto al 2018 si tratta di 449 milioni di kWh in meno, ossia il consumo annuo di circa 89'800 economie domestiche, precisa l'UFE. Solo nel secondo trimestre dell'anno si è registrato un incremento (+2,0%).

E tutto ciò - nota l'UFE - quando il prodotto interno lordo è aumentato dello 0,9% e la popolazione dello 0,7%. Inoltre nel 2019 i gradi-giorno di riscaldamento sono aumentati del 6,1% rispetto all'anno precedente. Poiché in Svizzera circa il 10% dell'energia elettrica è impiegato per i riscaldamenti, ne risulta un leggero incremento del consumo. L'ufficio federale conclude quindi che la contrazione dei consumi è avvenuta soprattutto grazie all'aumento dell'efficienza energetica.

Quanto alla produzione nazionale lorda, essa è salita del 6,4%, attestandosi a 71,9 mia. kWh. Detratto il consumo delle pompe di accumulazione, la produzione netta è ammontata a 67,8 mia. kWh.

Gli impianti idroelettrici hanno contribuito per il 56,4% (centrali ad acqua fluente 24,6%, centrali ad accumulazione 31,8%), quelli nucleari nella misura del 35,2% e le centrali termiche per l'8,4%.

L'idroelettrico ha generato l'8,4% in più rispetto all'anno precedente. La produzione nucleare è aumentata del 3,5%, principalmente grazie alla maggiore disponibilità della centrale nucleare di Leibstadt (AG), precisa l'UFE.

Nel 2019 sono state effettuate importazioni per 29,5 mia. kWh ed esportazioni per 35,8 mia. kWh. Secondo l'Amministrazione federale delle dogane (AFD) il saldo positivo della bilancia commerciale con l'estero è stato di 401 milioni di franchi, a fronte dei 279 milioni nel 2018.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.