Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei prossimi trent'anni, la popolazione in età pensionabile aumenterà sensibilmente in Svizzera.

Keystone/AP dapd/JENS SCHLUETER

(sda-ats)

Nei prossimi trent'anni, la popolazione in età pensionabile aumenterà sensibilmente in Svizzera. L'incremento sarà di oltre il 50% in quasi tutti i Cantoni. A Svitto, Friburgo, Turgovia, Obvaldo e Argovia gli over 65 raddoppieranno.

Lo rende noto oggi una previsione realizzata dall'Ufficio federale di statistica (UST). Nel 2045 i Cantoni con le percentuali più elevate di persone in età pensionabile saranno Uri, Ticino, Obvaldo, Nidvaldo e Grigioni. In quasi tutti i Cantoni le percentuali di over 65 supereranno il 25%. Solo quattro Cantoni presenteranno percentuali meno elevate: Vaud, Ginevra, Zurigo e Friburgo.

In base allo scenario dell'UST tra il 2015 e il 2045 la popolazione di tutti i Cantoni aumenterà, fatta eccezione per Uri dove resterà relativamente stabile. Quelli che registreranno i maggiori incrementi demografici saranno Friburgo, Vaud, Turgovia, Argovia, Vallese e Zurigo.

Nella maggior parte dei Cantoni questa evoluzione sarà dovuta agli arrivi di giovani adulti da altre regioni o dall'estero, e grazie a questo fattore anche il livello delle nascite resterà elevato. Nel periodo in rassegna in quattordici Cantoni si osserveranno più decessi che nascite.

In Ticino tra 30 anni la popolazione sarà cresciuta del 5,8 per mille, a 422 mila unità. Gli over 65 saranno il 33,1%. Nei Grigioni la popolazione aumenterà del 2,5 per mille (a 212 mila) e i "pensionati" rappresenteranno il 31,2%.

La popolazione del canton Zurigo passerà da 1,5 a 1,8 milioni tra il 2015 e il 2045. La sua quota rispetto alla popolazione complessiva della Svizzera passerà quindi dal 17,6% al 18,1%. Solo Vaud e Friburgo assisteranno ad un aumento più marcato delle loro percentuali. Invece Berna - con una percentuale in diminuzione dal 12,2% all'11,6% - sarà il cantone con il calo più marcato della propria quota rispetto alla popolazione della Svizzera, malgrado una crescita demografica che porterà i suoi abitanti da 1 milione nel 2015 a un po' meno di 1,2 milioni nel 2045.

In generale, la popolazione dei cantoni urbani invecchierà meno di quella degli altri a causa dei flussi migratori da altre regioni o dall'estero, caratterizzati da arrivi di giovani adulti e da partenze di adulti più anziani. Questo processo genererà un certo rinnovo generazionale tra queste popolazioni.

Nel 2045 a Basilea-Città, Vaud, Friburgo, Zurigo e Ginevra il rapporto di dipendenza degli anziani sarà inferiore alle 45 persone di 65 anni o più ogni 100 persone di 20-64 anni. Per contro, sarà più elevato di 60 a Uri, Obvaldo, Ticino, Nidvaldo e Grigioni.

Tra un trentennio in Svizzera - se rimarrà l'evoluzione indicata dagli analisti dell'UST - ci sarà una popolazione di 10,18 milioni di abitanti, con una crescita del 6,7 per mille. Gli over 65 rappresenteranno il 26,4%, contro il 18,6% di oggi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS