Il primo ministro del Nepal, Khadga Prasad Sharma Oli, ha annunciato le dimissioni alla vigilia del voto di sfiducia in Parlamento proposto all'inizio del mese dall'Unified Maoist, partner di coalizione, e dal partito di opposizione Nepali Congress.

Oil, al potere dal 2015, ha dovuto affrontare aspre critiche circa la gestione delle proteste nella impoverita nazione colpita dal terremoto. A dicembre più di 50 persone sono morte in scontri tra polizia e manifestanti, scesi in piazza contro il progetto di dare al paese una nuova costituzione senza prima raggiungere un vasto consenso tra le principali forze politiche.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.