Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono riprese stamane all'alba le ricerche per quattro alpinisti nepalesi dispersi da ieri mattina sotto una valanga sull'Everest. Lo riferisce il sito on line di Himalayan Times.

Una fonte del ministero del Turismo, presente al campo base, ha detto che cinque dei dodici corpi finora trovati dai soccorritori sono stati portati a Kathmandu con un elicottero militare. I feretri delle altre vittime sono stati consegnati alle famiglie nella località di Lukla.

Sul luogo della tragedia, è in arrivo anche un gruppo di 'icefall doctor', come sono chiamati in gergo alpinistico, coloro che attrezzano le vie attraverso i crepacci fissando corde e ponti, per facilitare il lavoro dei soccorritori.

Secondo un'altra fonte del governo, l'incidente, che è il più grave mai successo sull'Everest, ritarderà la partenza delle spedizioni verso la cima. Quest'anno 334 alpinisti stranieri, assistiti da circa 600 sherpa, tenteranno di salire sul 'tetto del mondo'.

SDA-ATS