Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nescafé, il caffé solubile del gigante alimentare Nestlé, con sede a Vevey (VD), rimane il marchio svizzero con il valore più alto, a 11,4 miliardi di franchi, una cifra del 7% più alta rispetto ai 10,6 miliardi di un anno fa. Lo rileva la rivista "Bilanz".

Nella classifica della società americana Interbrand, pubblicata oggi dal mensile economico svizzero tedesco, il marchio generale della multinazionale Nestlé si piazza in seconda posizione sul mercato elvetico, con un valore di circa 8 miliardi e quello delle capsule di caffé Nespresso in decima posizione, con 3 miliardi. Le spiegazioni, secondo Interbrand, sono da ricercare nella strategia del gruppo, che si concentra su marchi di successo e li tiene ben stretti nel suo portafoglio.

Al terzo posto si piazza il marchio orologiero Rolex, con sede a Ginevra (valore 7,4 mld). Al quarto e quinto rango figurano l'operatore di telecomunicazioni Swisscom (5,1 mld) e il gruppo elettrotecnico zurighese ABB (4,8 mld).

Il numero uno bancario elvetico UBS è in sesta posizione (3,9 mld), seguito dal gruppo orologiero Omega (3,7 mld), un marchio di Swatch Group.

Il salto maggiore rispetto alla classifica di un anno fa è stato compiuto dal cementificio LafargeHolcim, che dopo la fusione dei gruppi francese Lafarge e sangallese Holcim, ha visto il proprio valore aumentare del 13%. Anche il marchio orologiero Audemars Piguet esce bene, con una crescita di valore dell'11%, a 961 milioni di franchi.

Ma se c'è chi avanza c'è anche chi retrocede. Il numero due bancario elvetico, Credit Suisse, in un anno ha perso il 14% del suo valore, a 3,2 miliardi, piazzandosi comunque in nona posizione, davanti all'assicuratore Zurich (3,4 mia). Il valore del gruppo industriale zurighese Sulzer ha perso il 15%.

Nella classifica svizzera, che comprende 50 società, fanno il loro ingresso le banche private ginevrine Pictet e Lombard Odier, lo specialista pure ginevrino di aromi e profumi Givaudan, e il gruppo zurighese di tecniche per la sicurezza Kaba.

Per quanto concerne il commercio al dettaglio, il gruppo zurighese Migros figura al 37mo rango, sette posizioni prima del suo concorrente basilese Coop. Rispetto a un anno fa la loro posizione non muta.

Globalmente, il valore totale dei marchi considerati nella classifica di Bilanz e Interbrand è aumentato del 3%, a 106 miliardi di franchi. Per realizzarla gli esperti tengono conto di fattori quali la situazione finanziaria, il ruolo del marchio nel processo decisionale dell'acquirente e la redditività futura.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS