Navigation

Nespresso accusata di lavoro infantile, già prese misure

George Clooney, il volto di Nespresso, si è detto rattristato dalle conclusioni del documentario. KEYSTONE/AP/ALASTAIR GRANT sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 marzo 2020 - 15:16
(Keystone-ATS)

Nespresso farebbe capo a caffè da piantagioni che sfruttano il lavoro di bambini, denuncia un documentario diffuso questa sera in Gran Bretagna.

Il direttore generale (Ceo) della filiale di Nestlé, Guillaume Le Cunff, reagisce annunciando un'inchiesta e assicurando di aver preso misure immediate.

Il documentario intitolato Dispatches, in programma sull'emittente pubblica Channel 4, rivela che le aziende che forniscono Starbucks e Nespresso in Guatemala impiegano bambini sotto i tredici anni. I fanciulli sono costretti a lavorare "circa 40 ore alla settimana in condizioni estenuanti, raccogliendo caffè per un po' più di quanto paghiamo un caffellatte da Starbucks o un pacchetto di capsule di Nespresso", indica Channel 4 sul suo sito.

Aggiunge che il noto attore "George Clooney, il volto di Nespresso, si è detto rattristato dalle conclusioni (del documentario). Ha chiesto al consiglio di amministrazione di Nespresso di fare di più".

Le Cunff ha diffuso una dichiarazione video in cui assicura che "il lavoro infantile non è tollerato nella nostra catena logistica. È semplicemente inaccettabile".

Ha aggiunto di aver mandato personale a investigare su alcune aziende agricole che hanno ricevuto il marchio Rainforest Alliance per verificare "se forniscono o no Nespresso". Rainforest Alliance (in italiano denominata anche Alleanza per le foreste pluviali) è un'organizzazione non governativa che ha come scopo di conservare la biodiversità e di garantire condizioni di vita sostenibili, trasformando le pratiche di uso del suolo, pratiche commerciali e comportamento dei consumatori. Ha sede a New York e ha uffici in tutto il mondo.

In attesa dei risultati dell'indagine, il Ceo di Nespresso afferma di aver adottato diverse misure "immediate": la sospensione degli acquisti da queste aziende agricole, il raddoppio del numero di agronomi per il prossimo raccolto in Guatemala e l'introduzione di ulteriori verifiche e controlli "per garantire che non vi sia lavoro minorile nella catena del valore di Nespresso".

In un comunicato inoltre Nespresso ricorda che nel 2003, insieme all'Alleanza per le foreste pluviali, ha istituito un programma di collaborazione con gli agricoltori per migliorare le condizioni ambientali e sociali nelle aziende. "Questo programma comprende misure per combattere il lavoro minorile", si legge nella nota.

Il a déclaré avoir envoyé du personnel sur place pour enquêter dans certaines fermes labellisées Rainforest Alliance afin de vérifier "si elles approvisionnent ou non Nespresso". En attendant les résultats de l'enquête, le patron de la filiale du géant alimentaire veveysan affirme avoir pris plusieurs mesures "immédiates": suspension des achats en provenance de ces exploitations, doublement du nombre d'agronomes pour la prochaine récolte au Guatemala, mise en place de davantage d'audits et de contrôles "pour s'assurer que le travail des enfants n'existe pas dans la chaîne de valeur de Nespresso". Nespresso rappelle avoir mis en place en 2003, avec l'ONG Rainforest Alliance, un programme pour travailler avec les agriculteurs afin d'améliorer les conditions environnementales et sociales des exploitation

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.