Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I vegani non saranno automaticamente esclusi dall'esercito.

KEYSTONE/GEORGIOS KEFALAS

(sda-ats)

I vegani possono tirare un sospiro di sollievo. Il Consiglio federale non intende infatti, come chiede una mozione di Jean-Luc Addor (UDC/VS), istituire una base legale che renda i seguaci di questa "filosofia" alimentare inabili al servizio.

Nella sua mozione, Addor fa riferimento implicitamente a un caso realmente accaduto nell'ottobre scorso di una recluta vegana che è riuscita a farsi incorporare dopo essere stata dichiarata in un primo momento inabile al servizio perché si rifiutava di indossare gli scarponi militari di cuoio.

Il caso aveva suscitato un'ampia eco mediatica, sia in Svizzera che all'estero, ciò che ha indispettito il consigliere nazionale democentrista. A suo avviso, "il nostro esercito si è lasciato ridicolizzare da un soldato vegano che è riuscito a farsi presentare, in particolare sulla stampa internazionale, come colui che ha fatto cedere l'Esercito svizzero addirittura prima di aver prestato il suo primo giorno di servizio".

Da qui la proposta di escludere ipso facto i vegani dall'esercito poiché "non è assolutamente possibile accettare che questi, dall'interno o con l'intervento dei media, si dedichino a una forma di propaganda volta a minare la credibilità e le capacità operative del nostro esercito".

Nella sua risposta il Consiglio federale, citando la Costituzione stando alla quale gli svizzeri sono obbligati al servizio militare "indipendentemente dalle loro opinioni, dalla loro religione e dalle loro abitudini alimentari", sostiene che va "evitato che il semplice fatto di dichiararsi vegani implichi automaticamente l'inidoneità al servizio militare". Insomma, i casi di reclute vegane vanno considerati individualmente tenendo conto soprattutto degli aspetti medici.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS