Navigation

Nestlé: fatturato e utile netto in aumento nel 2011

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 febbraio 2012 - 11:15
(Keystone-ATS)

Il gigante alimentare Nestlé ha archiviato l'esercizio 2011 con un giro d'affari in espansione in tutti i settori operativi e in tutte le categorie di prodotti. Al termine del periodo in rassegna, i ricavi si sono attestati a 83,6 miliardi di franchi, segnando una crescita organica del 7,5% su un anno. Come molte altre società, Nestlé ha subito l'impatto negativo dei cambi, pari al 13,4%. L'utile netto ha toccato i 9,5 miliardi di franchi (+8,1% non tenendo conto di Alcon ), precisa una nota odierna del gruppo vodese. I risultati globali del gruppo sono stati giudicati positivamente dagli analisti.

Nel 2010, la società con sede a Vevey aveva moltiplicato per tre il suo utile netto a 34,2 miliardi di franchi. Un balzo dovuto alla vendita della partecipazione rimanente - 24,5 miliardi - nel leader mondiale dei prodotti oftalmici Alcon al gigante farmaceutico basilese Novartis.

Le vendite di capsule per il caffè Nespresso, oggetto di una vertenza giuridica che ha già fatto scorrere molto inchiostro e sta dando da lavorare a schiere di avvocati, sono salite del 20% per superare i 3,5 miliardi di introiti. I risultati del 2011 confermano il trend dell'anno prima (+20% ricavi a 3,2 miliardi a fine 2010).

Il tasso di crescita più importante è stato tuttavia messo a segno dalle bevande sia liquide che in polvere, le cui vendite sono progredite da un anno all'altro del 13% a 18,2 miliardi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?