Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel primo trimestre dell'anno la multinazionale Nestlé, con sede a Vevey (VD), ha visto il suo fatturato aumentare solo dello 0,5%, a 20,9 miliardi di franchi rispetto allo stesso periodo 2014. Ciò viene motivato con il franco forte.

Nel periodo in rassegna, la crescita organica è stata del 4,4% (4,2% del primo trimestre 2014), con un 1,9% di crescita interna reale e un 2,5% di adattamento dei prezzi. "La crescita delle vendite è conforme alle nostre previsioni", ha affermato il direttore generale del gruppo Paul Bulcke, citato in un comunicato.

Ancora una volta la dinamica è stata migliore nei mercati emergenti (+6,7% di crescita organica) rispetto a quelli sviluppati (+2,5%). Da rilevare comunque anche la "buona performance" ottenuta nella zona Europa, Medio Oriente e Africa del Nord (+5,3% a 3,91 miliardi di franchi). Questo insieme (ormai denominato EMENA) ha subito un cambiamento a partire dal primo gennaio 2015 ricevendo Maghreb, Medio Oriente, la regione Africa del Nord-Est, Turchia e Israele, che prima facevano parte della Zona Asia, Oceania e Africa.

Per il futuro, Paul Bulcke conferma le previsioni per l'insieme dell'esercizio in corso. "Puntiamo ad una crescita organica di circa il 5% con miglioramento dei margini", ha affermato. Il direttore generale ha ricordato che Nestlé non lavora a breve termine e che il gruppo resta in particolare "concentrato sulle attività a lungo termine". Stamani alla Borsa svizzera il titolo era partito in crescita per poi scendere verso la linea di demarcazione.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS