Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nestlé ha registrato un calo dell'utile netto di oltre un terzo (37,2%) a 9,1 miliardi l'anno scorso. Il fatturato del colosso alimentare è sceso a 88,8 miliardi, mentre la crescita organica è stata del 4,2%.

Per quanto riguarda l'utile, la differenza è di 5,4 miliardi di franchi rispetto all'anno scorso, precisa Nestlé. Questo è dovuto all'impatto della cessione nel 2014 di una parte della partecipazione nella L’Oréal, combinata con una rivalutazione della partecipazione di Galderma.

Nel 2015 abbiamo realizzato un crescita nelle cifre alte per l'industria malgrado un clima difficile, ha detto Paul Bulcke, amministratore delegato della Nestlé, citato nel comunicato. "Inoltre abbiamo aumentato o mantenuto le nostre parti di mercato nella maggioranza delle categorie o dei mercati". La crescita organica del 4,2% è composta di 2,2% di crescita interna reale e del 2% di adattamento dei prezzi. ’

Per l'esercizio 2016, la multinazionale prevede un clima commerciale simile a quello degli anni passati, con un adattamento dei prezzi più leggero. "Pensiamo di realizzare una crescita organica in linea con il 2015, con un miglioramento dei margini e dell'utile netto per azione, a tassi di cambio costanti, e del rendimento del capitale", ha aggiunto Bulcke.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS