Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nestlé ha realizzato un utile netto di 14,5 miliardi l'anno scorso, in aumento di 4,4 miliardi, grazie in particolare alla cessione di una parte della partecipazione in L'Oréal. Il fatturato del gruppo è sceso dello 0,6% rispetto all'anno prima fissandosi a 91,6 miliardi, indica un comunicato.

"Sono risultati forti, costruiti sulla buona crescita degli ultimi anni e realizzati in un contesto commerciale stagnante. Essi dimostrano i punti di forza intrinseci di Nestlé: l'impegno dei collaboratori, la presenza globale, la forza del portafoglio e la qualità dell'innovazione", ha affermato il presidente della direzione Paul Bulcke, citato nel comunicato.

Oltre alla cessione parziale della partecipazione nel gruppo francese L'Oréal, leader mondiale nella cosmetica, l'utile netto ha beneficiato anche di una rivalutazione del 50% del capitale di Galderma, già in mano al gigante alimentare. La multinazionale vodese controlla infatti ora interamente Galderma, dopo aver rilevato la metà del capitale che era in possesso di L'Oréal.

A livello organico la crescita dei ricavi è stata del 4,5%. Ciò si scompone in una progressione interna reale del 2,3% e in un aumento dei prezzi del 2,2%.

La contrazione dello 0,6% delle vendite si spiega con gli effetti di cambio che pesano nella misura del 5,5%, parzialmente compensati da un +0,4% generato dalle acquisizioni al netto delle cessioni.

L'utile operativo è da parte sua rimasto stabile a 14 miliardi di franchi. Il margine è però aumentato di 0,1 punti a 15,3%, precisa la nota.

In dettaglio, la zona Americhe ha generato un fatturato di 27,3 miliardi di franchi, pari a una crescita organica del 5%. La regione Asia, Oceania e Africa ha realizzato vendite per 18,3 miliardi (+2,6%), mentre in Europa il giro d'affari è stato di 15,2 miliardi (+1,5%).

La divisione acqua in bottiglia (Nestlé Waters) ha confermato le sue buone prestazioni, con una crescita organica del 5,2% a 7,4 miliardi di franchi. L'attività relativa alla nutrizione ha fatto meglio (+7,7%), con vendite a 9,6 miliardi.

Le altre unità hanno realizzato un fatturato di 13,9 miliardi (+7,1%). Tra queste figura Nespresso: l'entità ha continuato a crescere in tutte le regioni, precisa il gruppo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS