Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nestlé India ha avviato la distruzione di tutto lo stock di spaghettini a cottura istantanea Maggi (noodle) esistente nel Paese, per un equivalente di 27.000 tonnellate di prodotto del valore di quasi 45 milioni di euro.

La decisione è stata presa dopo che l'Authority per la sicurezza e gli standard alimentari indiana (Fssai) ne ha proibito il consumo a causa della presenza eccessiva di piombo e glutammato monosodico. Lo ha reso noto la compagnia in un comunicato diffuso a New Delhi.

Nestlé ha fin dall'inizio continuato a sostenere, anche per bocca del suo CEO, Paul Bulcke, che il prodotto "è atto al consumo" e in questo ambito ha presentato un ricorso contro l'ordinanza della Fssai all'Alta Corte di Mumbai che non si è però ancora occupata del caso.

Nel comunicato diffuso ore fa, la compagnia conferma che "come annunciato stiamo ritirando gli spaghettini Maggi dal mercato ed avviandoli alla distruzione". La stima di un valore di 3,2 miliardi di rupie (44,4 milioni di euro) della merce da distruggere, si aggiunge, "è approssimativa perché non include i costi di ritiro degli stock dal mercato, del loro trasporto nei centri di eliminazione, e della eliminazione stessa".

Secondo il quotidiano economico Mint, ci vorranno circa 40 giorni per portare a termine la distruzione delle 27.420 tonnellate di prodotto, con l'utilizzazione di 10.000 autocarri per ritirare in circa quattro milioni di scatoloni gli spaghettini da 3,5 milioni di rivendite in un Paese che ha una superficie di quasi 3,3 milioni di chilometri quadrati.

Si è appreso che Nestlé ha scelto per distruggere il prodotto sei impianti per la produzione di cemento dislocati in vari Stati indiani.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS