Le indagini "sono corrotte fin dall'inizio". Lo ha detto il premier Benjamin Netanyahu riferendosi alle "raccomandazioni" che la polizia ha rivolto oggi alla magistratura per incriminare lui e la moglie Sarah per corruzione nel Caso 4000.

Tale dossier è quello legato al gigante delle telecomunicazioni Bezeq.

Netanyahu - che ha parlato ad una cerimonia del Likud - ha sottolineato di non credere che "sia salutare per una democrazia che la polizia investighi in rapporti tra giornalisti e politici. Ma se lo fa, allora dovrebbe riguardare tutti".

Nel discorso di stasera Netanyahu ha più volte attaccato il capo della polizia Roni Alsheich affermando di "non essere sorpreso" che la richiesta di incriminazione sia arrivata al suo ultimo giorno in carica. Il premier ha quindi respinto ogni accusa e ha detto di non aver dato nulla al mogul della Bezeq Shaul Elovitch e di non aver ricevuto nulla da lui. "Per queste indagini false - ha aggiunto - sono stati spesi milioni di shekel".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.