Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente americano Donald Trump e il premier israeliano Benjamin Netanyahu

Keystone/AP/ARIEL SCHALIT

(sda-ats)

"Apprezzo che il presidente americano Trump sia stato oggi al Muro del Pianto, il primo presidente in carica. Chiedo un applauso". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu in conferenza stampa a Gerusalemme con Donald Trump.

"Voglio ringraziarla per il forte impegno per la sicurezza di Israele", ha detto Netanyahu. "L'alleanza tra i nostri due Paesi è ancora più forte", ha aggiunto.

"Apprezziamo il cambiamento della politica americana nei confronti dell'Iran, la coraggiosa azione Usa contro le armi chimiche in Siria, e la riaffermazione del ruolo di leadership degli Usa in Medio Oriente. Vogliamo lavorare insieme in particolare contro le aggressioni in queste regioni e per limitare le ambizioni militari dell'Iran di diventare uno stato nucleare", ha affermato il premier israeliano con un'allusione negativa alla precedente amministrazione Obama.

"Per la prima volta nella mia vita, vedo una reale speranza per il cambiamento del mondo arabo verso Israele", ha concluso Netanyahu ringraziando "per il cambio della politica Usa verso Teheran".

Trump dal canto suo ha affermato: "Credo in un rinnovato sforzo per raggiungere la pace tra israeliani e palestinesi". "È uno dei compiti più duri ma sono sicuro che alla fine riuscirete a conseguire un risultato", ha aggiunto. In relazione alle visite odierne il presidente americano ha poi affermato: "Sono rimasto sorpreso dai monumenti, dai siti sacri e dalla generosità degli israeliani. Mi ha toccato oggi la visita al Muro del Pianto, mi ha lasciato un segno per sempre".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS