Navigation

Nicoletta Mariolini delegata plurilinguismo

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 aprile 2013 - 14:49
(Keystone-ATS)

La luganese Nicoletta Mariolini sarà la nuova delegata al plurilinguismo dal prossimo 1. agosto. La nomina è stata fatta oggi dal Consiglio federale. Subentra a Vasco Dumartheray, che ha lasciato la sua funzione alla fine dello scorso novembre.

Nicoletta Mariolini è nata nel 1964 ed è domiciliata a Lugano. Si è laureata in scienze economiche all'Università di Losanna e in seguito è stata assistente, collaboratrice scientifica e capoprogetto presso l'Università di Losanna, l'istituto Dipendenze Svizzera e presso l'Associazione dei servizi Spitex e delle Case per anziani del Cantone di Vaud.

In seno all'amministrazione cantonale ticinese, dal 1998 al 2004 ha ricoperto le funzioni di capo progetto e collaboratrice scientifica responsabile dell'attuazione della politica Spitex nel Cantone.

Nel 2004 la Mariolini è stata eletta nella lista PS municipale di Lugano, dove si occupa dell'Istituto scolastico comunale e dirige il Dicastero Integrazione e informazione sociale. A metà aprile lascerà l'esecutivo di Lugano. Da sei anni è inoltre deputata nel Gran Consiglio ticinese.

Nella scelta di Nicoletta Mariolini quale nuova delegata al plurilinguismo, il Consiglio federale ha attribuito importanza all'esperienza nella gestione di progetti e alla sua pluriennale attività professionale nella Svizzera francese e italiana.

Grazie alle cariche sinora ricoperte è in grado di comprendere al meglio le esigenze della politica, dell'opinione pubblica e dell'economia. Inoltre, conosce molto bene il funzionamento e il modo di operare di istituzioni e associazioni.

La funzione di delegato al plurilinguismo è ora aggregata alla Segreteria generale del Dipartimento federale delle finanze (DFF). In precedenza questa funzione figurava nell'organigramma dell'Ufficio federale del personale (UFPER).

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.