Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Dopo più di un mese di prigionia sono tornati alle loro case 158 fra donne e bambini rapiti più di un mese fa da Boko Haram nel nord-est della Nigeria. Lo riferisce la Bbc online, secondo cui le circostanze della liberazione del gruppo non sono ancora chiare. Donne e bambini erano stati tutti rapiti durante un raid dei miliziani nel villaggio di Katarko nello stato di Yobe a dicembre scorso.

Secondo alcune fonti i miliziani avrebbero rilasciato volontariamente gli ostaggi. Mentre secondo Musa Idi Jidawa, della Emergency Management Agency (Sema) dello stato del Yobe, i prigionieri sarebbero stati abbandonati dai miliziani, datisi alla fuga dopo un attacco da parte delle forze di sicurezza nigeriane.

Nel vicino stato del Borno, al confine con lo Yobe, lo scorso aprile, i ribelli islamici hanno causato l'indignazione internazionale sequestrando più di 200 ragazze in un collegio di Chibok.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS