Navigation

Nigeria: Boko Haram torna a colpire al nord, 8 morti a Kano

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 gennaio 2012 - 09:29
(Keystone-ATS)

Una decina di attacchi armati e dinamitardi coordinati contro posti di polizia sono stati compiuti oggi a Kano, nel nord della Nigeria, e rivendicati dalla setta islamica Boko Haram. Almeno otto le vittime, fra cui tre poliziotti, tre agenti dei servizi di immigrazione, un giornalista locale e un kamikaze, stando a testimoni e fonti di sicurezza.

Le autorità di Kano hanno imposto un coprifuoco immediato di 24 ore, precisando che tra gli obiettivi presi di mira dai terroristi ci sono stati il quartiere generale della polizia, un ufficio dei servizi di informazione, vari commissariati e due bureau dell'immigrazione. Secondo il corrispondente dell'Afp "ci sono state una ventina di esplosioni, tutte di seguito e iniziate intorno alle 17:15". Il giornalista ucciso, un corrispondente di una tv nigeriana, è morto in uno scontro a fuoco, avvenuto mentre si susseguivano le varie esplosioni.

Parallelamente un attentatore suicida a bordo di una motocicletta si è fatto esplodere nel quartier generale della polizia, uccidendo tre poliziotti. Poi in un'altra deflagrazione nei pressi nell'ufficio passaporti altri tre agenti hanno perso la vita. Diversi testimoni hanno parlato di scene di panico tra la popolazione mentre si diffondeva un odore acre di fumo in tutto l'agglomerato urbano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?