Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono riuscite a fuggire e far ritorno quasi tutte alle loro case le ragazze rapite dai miliziani jihadisti di Boko Haram a metà giugno nel nord-est della Nigeria. Delle 68 prelevate solo cinque mancano all'appello. Sessantatré sono riuscite a mettersi in salvo approfittando dell'assenza dei loro aguzzini, impegnati a condurre un'operazione in un villaggio. Per loro è finita bene, mentre per le oltre 200 studentesse rapite ad aprile dagli estremisti a Chibok, sempre nella Nigeria nord-orientale, è invece ancora buio totale.

Una fuga rocambolesca per le 63 giovani, che hanno atteso il momento giusto per scappare. E quel momento è arrivato venerdì notte mentre i miliziani cercavano di attaccare una base militare vicino a Damboa. Un attacco violento, in cui sono stati uccisi almeno 50 uomini di Boko Haram, secondo l'esercito nigeriano. La fuga delle ragazze è stata confermata da fonti di polizia locale, secondo l'agenzia online Sahara Reporters. "I colleghi di Damboa mi hanno avvertito che 63 delle 68 donne rapite sono riuscite a tornare a casa - ha detto l'agente, Abbas Gava - le giovani hanno compiuto questo gesto coraggioso mentre i loro rapitori erano assenti, impegnati in un attacco". Quella notte a sorvegliare il campo, ha spiegato ancora l'agente, erano rimasti pochi uomini. Così le donne hanno atteso che i loro guardiani sprofondassero nel sonno e in silenzio sono fuggite via. Alcune di loro, quelle che conoscono meglio il territorio, sono state in grado di tornare da sole a casa. Altre hanno raggiunto il confine tra lo stato del Borno e quello di Adamawa, dove sono state prese in consegna dalla polizia della città di Gulak, e da li riaccompagnate alle loro famiglie. Secondo la France Presse sono ancora cinque le donne rimaste nelle mani dei rapitori. Mentre Sahara Reporters scrive che sono sette: cinque donne e due bambine. Una delle donne ha appena partorito.

La notizia del rapimento delle 68 donne è stata diffusa quasi una settimana dopo l'accaduto. In realtà le giovani erano state rapite nel corso di attacchi da parte dei miliziani di Boko Haram ai villaggi di Kumabza, Dagu e Yaga a metà giugno. L'area è la stessa dove a metà aprile i miliziani sequestrarono oltre 200 liceali con la minaccia di venderle come schiave dopo averle costrette a convertirsi all'Islam. A inizio maggio, circa tre settimane dopo il sequestro delle liceali, i jihadisti diffusero un video delle giovani e proposero uno scambio di prigionieri. Ma il governo rifiutò la proposta.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS