Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo nigeriano non pagherà alcun riscatto per portare a casa le oltre 200 ragazze rapite un mese fa dai militanti islamici di Boko Haram. Lo ha detto a Sky News Reuben Abati, un consigliere speciale del presidente: "Il governo della Nigeria non ha intenzione di pagare un riscatto o di comprare le ragazze perché la vendita di esseri umani è un crimine contro l'umanità", ha spiegato, sottolineando che il governo è deciso a salvare le ragazze e punire i responsabili.

SDA-ATS