Navigation

No a microchip per controllare criminali pericolosi

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2013 - 17:48
(Keystone-ATS)

In seguito all'omicidio di Adeline da parte di un detenuto al beneficio di misure terapeutiche, il Consiglio federale giudica sensato migliorare le procedure penali. Tuttavia, rispondendo ad alcune proposte del parlamento che invita a respingere, l'Esecutivo sostiene che l'impianto di un microchip elettronico sotto la pelle di criminali pericolosi o la soppressione della libertà condizionale siano misure sproporzionate.

Con tre mozioni, la consigliera nazionale UDC Céline Amaudruz chiede un severo giro di vite, come l'impianto di un microchip destinato a chi è stato condannato per delitti gravi, come l'assassinio e lo stupro, e ritorna in libertà.

Stando alla consigliera nazionale, un simile gadget avrebbe un effetto preventivo. Nella sua risposta, il Governo sostiene che una simile misure sarebbe sproporzionata; inoltre, se le autorità applicano correttamente il diritto, un detenuto verrebbe liberato solo se non rappresenta più un pericolo per la società.

Nella sua risposta, l'Esecutivo ha anche ricordato che è attualmente in discussione un inasprimento delle prescrizioni riguardanti l'esecuzione delle pene.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.