Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Un segnale simbolico contro l'espandersi dell'islam in Svizzera e non un rifiuto generalizzato dei musulmani: così l'analisi VOX interpreta il voto federale dello scorso 29 novembre sul divieto di costruire minareti, sorprendentemente approvato dall'elettorato con una maggioranza del 57,5%.
L'analisi, i cui risultati sono stati pubblicati oggi dall'Istituto di scienze politiche dell'Università di Berna, mostra un forte contrasto tra i due poli dello schieramento politico: i votanti di sinistra hanno respinto l'iniziativa anti-minareti nella misura dell'80% e quelli di destra l'hanno approvata, più o meno nelle stesse proporzioni.
Decisivo è quindi risultato il centro. I sostenitori del Partito popolare democratico e del Partito liberale-radicale, secondo l'inchiesta, hanno in gran parte votato in contraddizione con le indicazioni ufficiali delle rispettive formazioni politiche: presso l'elettorato del PPD il "sì" all'iniziativa è stato pari al 54% e presso il PLR addirittura al 60%.
Il consenso non può essere spiegato unicamente con fattori quali l'ostilità verso gli stranieri, la resistenza alla globalizzazione e la perdita dell'identità nazionale. Dallo studio emerge infatti che si sono pronunciati a favore del divieto dei minareti anche il 40% degli elettori che in linea generale si schierano per una Svizzera aperta al mondo e per pari opportunità tra cittadini elvetici e stranieri.
Quanto alla ripartizione per sesso, e contrariamente alle supposizioni circolate in occasione del voto, gli esperti sono giunti alla conclusione che le maggiori resistenze si sono riscontrate tra le donne appartenenti allo schieramento progressista: il "sì" in questa categoria si è infatti fermato al 16%, mentre tra gli uomini di sinistra si è attestato al 21%. Opposti invece i rapporti di forza nella destra, dove le donne hanno approvato il divieto nella misura dell'87% e gli uomini del 71%.
Il "no" ai minareti, secondo le indicazioni raccolte presso i votanti, è quindi da intendersi come un gesto simbolico contro l'avanzare dell'islam in Svizzera, e non contro i musulmani residenti nel paese: il 64% del campione consultato si è persino detto convinto - o abbastanza convinto - che le due culture possono convivere in modo armonioso.
Gli autori dell'analisi VOX hanno anche messo a confronto le varie votazioni a livello federale, quasi 300, che dal 1960 ad oggi hanno avuto per tema gli stranieri e le minoranze. Il popolo, affermano i ricercatori, ha votato a svantaggio della minoranza quando è risultata male integrata nel tessuto sociale elvetico, perlomeno nella percezione pubblica. Altri gruppi minoritari, in particolare le minoranze linguistiche e gli handicappati, non hanno invece subito discriminazioni. Nel caso specifico del 29 novembre i musulmani sono stati doppiamente colpiti, sia come minoranza religiosa, sia come stranieri: il 90% dei musulmani residenti in Svizzera non hanno infatti il passaporto rossocrociato.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS