Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il Nobel per la Fisica 2015 è stato assegnato a Takaaki Kajita e Arthur B. McDonald. I due sono stati premiati per le scoperte relative alle particelle più sfuggenti dell'universo, i neutrini.

Takaaki Kajita e Arthur B. McDonald hanno dato un contributo chiave alla comprensione della 'metaformofosi' dei neutrini. È il processo secondo il quale ognuno dei tre tipi di neutrini esistenti cambiano identità, assumendo quella di uno degli altri 'membri' della loro famiglia. Per il Comitato Nobel questa scoperta ha aperto la strada ad una nuova immagine dell'universo.

Le loro ricerche hanno permesso per la prima volta di stabilire che i neutrini hanno una massa. Takaaki Kajita ha scoperto che i neutrini presenti nell'atmosfera cambiavano identità nell'esperimento Superkamiokande. Nel frattempo, in Canada, Arthur B. McDonald dimostrava che i neutrini provenienti dal Sole non scomparivano nel percorso verso la Terra, ma assumevano un'identità diversa.

Il giapponese Takaaki Kajita lavora nell'esperimento Superkamiokande dell'università di Tokyo, ed il canadese Arthur B. McDonald fa parte dell'esperimento Sudbury Neutrino Observatory Collaboration e lavora nella Queen's University di Kingston.

Takaaki Kajita, 56 anni, è nato nel 1959 a Higashimatsuyama ed ha sempre lavorato nell'università di Tokyo, dove attualmente dirige l'Istituto per le ricerche sui raggi cosmici.

Arthur B. McDonald, 76 anni, è nato nel 1943 a Sydney, Canada. Ha studiato nel Californa Institute of Technology (Caltech) e oggi è professore emerito della canadese Queen's University.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS