Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'economista statunitense Richard H. Thaler

KEYSTONE/AP dpa/CARSTEN REHDER

(sda-ats)

Il premio Nobel per l'economia è stato assegnato all'economista statunitense Richard H. Thaler dell'università di Chicago.

Thaler è stato premiato per i suoi contributi all'economia comportamentale.

Thaler "ha inserito ipotesi psicologicamente realistiche nelle analisi del processo decisionale economico", si legge nella motivazione dell'Accademia Reale svedese delle Scienze.

"Esplorando le conseguenze di una razionalità limitata, di preferenze sociali e di mancanza di autocontrollo" lo studioso ha evidenziato "come questi tratti umani influenzino sistematicamente le decisioni individuali e gli esiti del mercato".

Thaler , nato nel 1945 nel New Jersey, è l'inventore della cosiddetta "teoria del pungolo". Nel libro "Nudge, la spinta gentile', scritto insieme al giurista Cass Sunstein esamina come poter indirizzare, con adeguati stimoli anche da parte di governi e istituzioni, persone e gruppi sociali a prendere le decisioni giuste e a migliorare la propria vita.

Il punto di partenza è che "la gente fa spesso fa scelte scadenti" perchè "come esseri umani siamo condizionati da una vasta gamma di comportamenti routine" che il più delle volte portano a "imbarazzanti errori" in molteplici aspetti della vita quotidiana, come "nell'educazione, nella finanza personale, nell'assistenza sanitaria, in mutui e carte di credito, nella felicità e perfino pianeta stesso".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS