Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

I nomadi Jenisch potranno restare provvisoriamente a Porrentruy (JU). Il governo giurassiano li ha infatti autorizzati a sostare sino a nuovo ordine sull'area situata nei pressi dell'autostrada A16, dove da domenica sono stazionate una quindicina di roulotte.

Il cantone e le autorità comunali valuteranno la possibilità di "destinare a più lungo termine il sito agli Jenisch", indica una nota dell'amministrazione cantonale. Devono in particolare essere studiate questione relative alla pianificazione del territorio, della protezione dell'ambiente e delle foreste.

Il governo cantonale sarebbe favorevole a un'accoglienza a lungo termine di questa comunità nomade. Il ministro giurassiano Michel Thentz, incaricato del dossier, si era recato ieri sul posto per dialogare con gli Jenisch.

Il sito di Porrentruy era all'origine destinato ad accogliere provvisoriamente nomadi stranieri. Ma di fronte all'opposizione dei sindaci di Porrentruy, Fontenais (JU) e Courtedoux (JU), il governo aveva fatto retromarcia.

Un accordo anche a Nidau

La decisione odierna costituisce un ulteriore tassello di una vicenda scoppiata la scorsa settimana. Giovedì scorso la polizia aveva sgomberato a Berna un accampamento di Jenisch che da martedì protestavano contro la mancanza di aree d'accoglienza in Svizzera.

Gli Jenisch si erano allora installati a Nidau (BE), occupando l'ex sito dell'Expo.02. Ieri, un accordo era stato trovato con le autorità cittadine, quelle di Bienne (BE), proprietaria del terreno, e rappresentanti dei nomadi, grazie al quale gli Jenisch sono autorizzati a restare a Nidau per dieci giorni. In compenso, verseranno un contributo giornaliero di 15 franchi pro capite e per veicolo, e si doteranno di servizi igienici.

In Svizzera, si stima che gli Jenisch siano tra i 30'000 e i 35'000, di cui circa 3'000-5'000 sono tuttora semi-nomadi. Sono di nazionalità svizzera e costituiscono un gruppo etnico autoctono. La loro lingua tradizionale è lo jenisch, basato sul tedesco, che adotta parole del romanés, dello jiddish e del rotwelsch. Gli Jenisch sono per la maggioranza cristiani cattolici o evangelici.

SDA-ATS