Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Rischia di essere in salita la strada verso l'applicazione della nuova legge sulla cittadinanza. Nel corso della procedura di consultazione, che termina oggi, molti cantoni e formazioni politiche hanno chiesto al governo di rivedere l'ordinanza.

In base alla nuova disposizione legale, potranno ottenere il passaporto elvetico i titolari di un permesso di domicilio residenti in Svizzera da almeno dieci anni e integrati. I candidati dovranno inoltre dimostrare di avere conoscenze linguistiche orali e scritte necessarie nella vita quotidiana e non aver beneficiato dell'assistenza sociale almeno per tre anni.

Secondo i sindacati Unia e Travail suisse, i criteri relativi all'integrazione sono troppo vaghi e restrittivi e aprono le porte agli abusi. Per Unia è difficile distinguere fra una persona "integrata" e una per la quale "le condizioni di vita svizzere sono familiari".

Mentre il PPD approva i criteri proposti, i partiti più a destra li ritengono troppo poco restrittivi. Secondo il PLR, "la naturalizzazione non è un metodo d'integrazione, ma ciò che ne risulta". L'UDC, che boccia il progetto di ordinanza, vuole che la naturalizzazione avvenga solo se c'è integrazione "locale" (nel quartiere o nel comune) e, come il PLR, insiste sulle competenze linguistiche, che dovrebbero essere maggiori rispetto a quanto proposto dal governo.

Critiche anche per quanto riguarda i test di lingue e conoscenze generali: il canton Vaud chiede che l'ordinanza sia più precisa e lasci ai cantoni la possibilità di introdurli o meno, mentre Neuchâtel teme che spetti ai cantoni offrire a ciascuno la possibilità di acquisire le conoscenze richieste.

L'esclusione di chi ha beneficiato dell'assistenza sociale almeno per tre anni fa infine storcere il naso ai sindacati Unia, Travail suisse e ad alcuni cantoni. La disposizione è ritenuta sproporzionata ed eccessivamente rigida. Al contrario, il PLR chiede che prima di attribuire il passaporto svizzero venga preso in considerazione anche l'eventuale versamento di prestazioni complementari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS