Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'Autorità di sorveglianza dei mercati finanziari (FINMA) deve continuare ad essere un ente di diritto pubblico e non deve essere integrata all'Amministrazione federale. È quanto ritiene la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale.

Con 16 voti a 9 essa propone al plenum di non dar seguito a un'iniziativa parlamentare di Alfred Heer (UDC/ZH), preoccupato dal fatto che oggi la FINMA non sia sottoposta ad alcun controllo politico. Secondo la maggioranza, l'Autorità deve occuparsi unicamente di sorvegliare i mercati finanziari e una struttura di diritto pubblico può farlo al meglio, si legge in una nota dei Servizi del parlamento.

La commissione ha per contro deciso, con 18 voti a 7, di depositare una mozione che chiede di modificare il diritto vigente precisando che il Parlamento e il Consiglio federale sono i soli ad avere la competenza di regolamentare i mercati finanziari, mentre la FINMA deve occuparsi unicamente di controllo. Secondo la minoranza, agendo in tal modo verrebbe ostacolata in modo eccessivo l'attività dell'Autorità di vigilanza indebolendo il suo ruolo di sorvegliante.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS