Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

TEHERAN - Le sanzioni della comunità internazionale contro Teheran per il suo programma nucleare "potrebbero rallentare, ma non fermare" le attività della Repubblica islamica in campo atomico. Lo ha detto oggi il capo dell'Organizzazione iraniana per l'energia nucleare, Ali Akbar Salehi.
"Non possiamo dire che le sanzioni non abbiano alcun effetto - ha osservato Salehi, citato dall'agenzia Isna -. Ma se esse hanno l'obiettivo di fermare il programma nucleare iraniano, dobbiamo dire che non avranno alcun risultato".
Dopo un pacchetto di sanzioni approvate il 9 giugno dal Consiglio di Sicurezza dell'ONU, gli USA hanno varato la scorsa settimana misure punitive aggiuntive, che mirano in particolare a colpire il settore energetico della Repubblica islamica.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS