Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Quarta giornata di colloqui sul nucleare iraniano a Ginevra, dove al tavolo negoziale si sono seduti per tre ore, riferisce l'Irna, il segretario di stato Usa John Kerry e il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif. Con loro anche il capo dell'agenzia atomica iraniana Ali-Akhbar Salehi e il segretario Usa per l'energia Ernest Moniz - due presenze che, secondo osservatori occidentali, starebbero ad indicare un maggior peso degli aspetti tecnici nei negoziati.

Il viceministro degli esteri iraniano Abbas Araqchi, a Ginevra da venerdì scorso per i primi incontri preparatori, ha dichiarato oggi che l'Iran continuerà a trattare finchè vi sara "rispetto" al tavolo negoziale, ma che i negoziatori iraniani non cederanno mai a forzature e pressioni. La dichiarazione, sempre secondo l'Irna, fa seguito a quanto detto ieri da Kerry, secondo cui resterebbero "distanze significative" tra le due parti, e il governo di Washington sarebbe pronto a lasciare il tavolo se Teheran non aderisce ai termini dell'accordo dimostrando di non volere armi atomiche.

In merito Araqchi ha detto che anche l'Iran sarebbe pronto a lasciare il tavolo, "ma non è questo il punto in cui ci troviamo ora", e Teheran continua lavorare ad un risultato che punti ad una soluzione vantaggiosa per entrambe le parti".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS