Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Mosca crede che con "l'attuazione del trattato START" le possibilità di riduzione degli arsenali nucleari a livello bilaterale con gli USA "siano terminate".

"Ora - ha dichiarato la portavoce del ministero degli Esteri - dobbiamo ragionare su come far entrare nel processo di disarmo tutti gli altri stati che possiedono armi atomiche, in primis i membri NATO alleati di Washington: dobbiamo infatti tenere conto anche della nostra sicurezza".

"Ulteriori riduzioni degli armamenti nucleari - continua la portavoce Maria Zakharova - devono essere discusse tenendo conto di tutti i fattori che impattano sulla stabilità strategica, come la creazione da parte degli americani di un sistema globale di difesa missilistica, i loro sforzi per sviluppare armi strategiche convenzionali che facciano parte del piano di Intervento Rapido Globale (Prompt Global Strike), la minaccia di armi dislocate nello spazio e il crescente squilibro nella quantità e qualità di armi convenzionali".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS