Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Prendendo implicitamente le distanze dal premier Benyamin Netanyahu - che ha definito 'un errore storico' l'accordo di Ginevra - il presidente israeliano Shimon Peres ritiene che esso abbia solo un carattere transitorio: "il suo successo o il suo fallimento - ha detto - vanno giudicati sulla base dei fatti, non di parole".

Rivolgendosi poi agli iraniani, Peres ha osservato: "Voi non siete i nostri nemici, e noi non siamo i vostri. La questione può essere risolta per vie diplomatiche: è nelle vostre mani. Respingete il terrorismo. Fermate il programma nucleare. Fermate lo sviluppo di missili a lunga gittata".

Israele, ha assicurato Peres, preferisce una soluzione diplomatica. Ma ha anche aggiunto: "La comunità internazionale non tollererà un Iran nucleare. E se la strada della diplomazia fallisse, l'opzione nucleare sarà impedita con altri mezzi. L'alternativa è molto peggiore".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS