Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - La sinistra torna alla carica contro i partiti borghesi e il mondo degli affari. Dopo il siluramento in parlamento delle loro proposte per imporre i bonus, socialisti ed ecologisti hanno ribadito oggi con i sindacati i progetti per "rafforzare la democrazia".
"Ci rifiutiamo di voltare pagina, dal momento che, per dirla in termini calcistici, ci troviamo soltanto nell'intervallo", ha dichiarato il presidente del PS Christian Levrat in una conferenza stampa. Il bilancio della sessione parlamentare estiva è "disastroso" e il popolo è in collera. "La maggioranza borghese delle Camere - ha esclamato Levrat - è succube della Paradeplatz di Zurigo e non ascolta chi l'ha eletta".
Il popolo vuole che si traggano gli insegnamenti dalla maggiore crisi finanziaria ed economica intervenuta da decenni, ha proseguito il presidente del PS. "Questa crisi - ha sottolineato - esige soluzioni concrete e non un'apparente indignazione sul versamento di bonus per miliardi di franchi".
Le ricette presentate dalla sinistra non sono nuove e vanno in più direzioni. È auspicabile portare la discussione in seno alla popolazione. "Si tratta di un'opportunità", ha aggiunto il "patron" dei Verdi Ueli Leuenberger. Le organizzazioni sceglieranno poi i progetti da sostenere.

SDA-ATS