Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il buon momento congiunturale si rispecchia anche nella fondazione di nuove imprese. Secondo la società di informazioni economiche Creditreform, nel primo trimestre del 2014 sono state iscritte nel registro di commercio quasi il 5% in più di aziende rispetto al medesimo periodo dell'anno scorso. Per l'intero anno, Creditreform si attende un nuovo record di nuove iscrizioni.

Da gennaio a fine marzo, le nuove società fattesi registrare sono state ben 10'588, in crescita del 4,8% su un anno, indica una nota di Creditreform. Nello stesso lasso di tempo, sono state cancellate 7063 ditte, lo 0,9% in meno rispetto al primo trimestre 2013.

Per l'anno in corso, Creditreform stima 42'760 nuove iscrizioni; qualora tale previsione dovesse verificarsi, si tratterebbe di un nuovo picco, superiore insomma alle 40'691 iscrizioni registrate a fine 2013.

Sempre nei primi tre mesi del 2014 i casi di insolvenza di privati sono aumentati su un anno del 2,1% a 3429. 1745 persone hanno dovuto rivolgersi all'ufficio fallimenti; si tratta di una progressione dell' 8,3%. Per quanto attiene alle imprese insolventi, l'aumento è stato del 9,6% a 1234. Poiché il numero di ditte radiate per lacune organizzative (in relazione all'articolo 371b del Codice delle obbligazioni) è diminuito, il numero totale di fallimenti è sceso del 3,7% a 1684.

Per il 2014, Creditreform si attende circa 5 mila fallimenti (+8,1%) cui si potrebbero aggiungere altre 1800 società liquidate d'ufficio. Creditreform stima il numero di fallimenti privati attorno alle 7000 unità (+2,6%).

Per quanto concerne la fondazione di nuove imprese, Creditreform fornisce anche i dati dell'anno scorso per i mesi da gennaio a fine agosto (raffronto sul 2012). A livello nazionale, si è assistito a un incremento di nuove aziende iscritte del 18,5% a 7834 (valore netto, ossia tenendo conto delle radiazioni). Le società fondate sono state 26'796 (+2,1%), quelle stralciate 18'962 (-3,4%).

In Ticino vi è stato un incremento globale delle nuove iscrizioni del 12,8% a 2'086, mentre le ditte radiate sono state 895 (-16,5%). La crescita netta ammonta a 1191 società (+53,3%). I dati dei Grigioni sono invece i seguenti: 599 nuove iscrizioni (-2,9%), 440 cancellazioni (-14,1%), con un incremento netto di 159 aziende (+51,4%).

SDA-ATS