Navigation

Nuovi caccia svizzeri: via libera dagli Usa

Nuovi caccia: fra i velivoli americani, il bombardiere F-35 (nella foto d'archivio) rientrerebbe nel budget approvato in votazione domenica KEYSTONE/AP/Wilson Ring sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 02 ottobre 2020 - 14:30
(Keystone-ATS)

Dopo il sì di misura di domenica all'acquisto di nuovi aerei da combattimento, il Dipartimento di Stato americano dà il suo via libera ai produttori Usa. I nuovi F/A-18 hanno tuttavia un costo che supera la somma approvata in votazione.

Solo il bombardiere F-35 rientrerebbe nel budget di 6 miliardi di franchi, secondo una pubblicazione obbligatoria del Dipartimento di Stato americano. Kaj-Gunnar Sievert, portavoce dell'Ufficio federale dell'armamento (Armasuisse), ha confermato queste informazioni pubblicate venerdì da Tamedia e CH Media.

I 36 aerei F-35 della Lockheed Martin , con caratteristiche "stealth" (ossia invisibili ai radar), completamente equipaggiati, più quattro velivoli vuoti, costerebbero, secondo gli americani, 6,58 miliardi di dollari (6,04 miliardi di franchi al cambio attuale).

Gli F/A-18 Super Hornets, un tipo di velivolo più vecchio, verrebbero invece a costare 7,452 miliardi di dollari (6,847 miliardi di franchi). Il pacchetto del produttore Boeing comprende 36 Super Hornets completamente equipaggiati e quattro vuoti.

Secondo la pubblicazione del Dipartimento di Stato americano, il nuovo sistema di difesa terra-aria Patriot costerà inoltre 2,2 miliardi di dollari (quasi 2 miliardi di franchi): cifra che rientra nel budget. La Svizzera riceverebbe 70 missili Patriot guidati MIM-104 E.

Secondo il portavoce di Armasuisse, l'avviso del congresso fissa la quantità massima di materiale militare e l'importo massimo in dollari. Dopo le trattative finali, la fattura sarà comunque inferiore alle cifre indicate al Congresso degli Stati Uniti.

Il Dipartimento di Stato americano ha pure approvato la vendita di armi per gli aerei da combattimento. Si tratta di 50 nuovi missili aria-aria Sidewinder, 12 bombe non guidate, 12 bombe plananti guidate e 12 bombe guidate da GPS.

Oltre ai due aerei americani, sono in fase di valutazione anche i caccia europei Eurofighter (Airbus, Germania) e il Rafale (Dassault, Francia). Per la difesa aerea a terra, sono in corsa anche sistemi SAMP/T (Eurosam, Francia) e Patriot (Raytheon, USA).

Il Consiglio federale dovrebbe annunciare la sua scelta nel maggio 2021. Nel messaggio sull'Esercito 2022 sottoporrà al Parlamento l'acquisto di aerei da combattimento e del nuovo sistema di difesa terra-aria - per un massimo di 2 miliardi di franchi. La consegna del nuovo caccia e del sistema di difesa aerea a terra è prevista tra il 2025 e il 2030.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.