Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nei nuovi convogli intercity a due piani le Ferrovie federali svizzere (FFS) amplieranno l'offerta per i viaggiatori in sedia a rotelle, come richiesto da una sentenza del Tribunale amministrativo federale (TAF).

Si tratta di non ritardare ulteriormente la fornitura dei 59 convogli costruiti da Bombardier già rimandata di 1-2 anni, ha spiegato un portavoce confermando una notizia pubblicata dall'Aargauer Zeitung.

La compagnia ferroviaria intende comunque mantenere il ricorso interposto al Tribunale federale contro la decisione del TFA. L'obiettivo è ottenere la sicurezza giuridica in questo campo, in vista degli acquisti futuri di materiale rotabile. Nella determinazione dell'equipaggiamento dei treni intercity le FFS avevano infatti seguito la legge e avevano tenuto conto delle osservazioni delle organizzazioni dei disabili. I piani erano inoltre stati approvati dallo stesso Ufficio federale dei trasporti.

Accettando un ricorso di due organizzazioni di handicappati il TFA, nel marzo 2012, aveva però rimescolato le carte chiedendo diversi adattamenti. In particolare i giudici avevano stabilito che gabinetti per persone in sedia a rotelle dovevano essere disponibili anche al di fuori della carrozza ristorante.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS