Navigation

Nyt, stretta Usa su ingressi membri partito comunista cinese

Gli Stati Uniti limitano gli ingressi per i membri del Partito Comunista Cinese. Lo riporta oggi il New York Times, citando il Dipartimento di Stato (foto simbolica) KEYSTONE/AP/ANDY WONG sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 03 dicembre 2020 - 09:49
(Keystone-ATS)

Gli Stati Uniti limitano gli ingressi per i membri del Partito Comunista Cinese. Lo riporta oggi il New York Times, citando il Dipartimento di Stato.

Con effetto immediato, i visti dei funzionari e delle loro famiglie sono ridotti alla durata di un mese e sono validi per un solo ingresso.

"Per decenni abbiamo consentito al PCC l'accesso libero e senza restrizioni alle istituzioni e alle imprese statunitensi, mentre questi stessi privilegi non sono mai stati estesi liberamente ai cittadini statunitensi in Cina", ha detto un portavoce del Dipartimento di Stato, secondo quanto riporta il Times.

Fino alla stretta il visto poteva durare fino a 10 anni. Il rapporto stima che le nuove restrizioni potrebbero teoricamente essere applicate a circa 270 milioni di persone. Le tensioni sono aumentate vertiginosamente tra le due maggiori economie del mondo su una serie di fronti ed entrambi i paesi hanno intensificato le restrizioni di viaggio per i cittadini dell'altro. Entrambi i paesi hanno limitato i visti per i giornalisti, con Washington che ha frenato il numero di cittadini cinesi dai notiziari statali negli Stati Uniti all'inizio di quest'anno. La Cina ha risposto a marzo espellendo più di una dozzina di giornalisti americani dal New York Times, dal Washington Post e dal Wall Street Journal.

L'amministrazione Trump ha anche revocato i visti a oltre 1'000 studenti cinesi nell'ambito di una politica introdotta a giugno che accusava alcuni di spionaggio e furto di proprietà intellettuale. Pechino ha accusato Washington di "persecuzione politica e discriminazione razziale" e ha affermato che la sua politica viola i diritti umani dei cittadini cinesi che studiano all'estero.

La limitazione da parte degli Usa "dei visti di viaggio agli iscritti del Partito comunista cinese e alle loro famiglie è un'escalation di repressione politica contro la Cina da parte di alcune forze anti-cinesi negli Stati Uniti, estreme per pregiudizi ideologici".

È il commento della portavoce del ministero degli Esteri Hua Chunying, sulla misura riportata da New York Times secondo le indicazione date dal Dipartimento di Stato. "La Cina ha presentato proteste formali presso gli Usa, sperando che alcuni vedano lo sviluppo della Cina in modo più razionale, calmo e obiettivo, abbandonando l'odio verso il PCC", ha aggiunto.

Condividi questo articolo