Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Per la prima volta gli Usa hanno deciso di usare la guerra cibernetica contro l'Isis. L'obiettivo della nuova campagna, rivela il Nyt, è fermare la capacità del Califfato di diffondere il suo messaggio, di attrarre e reclutare nuove leve.

Insomma, hackerare e manipolare i suoi network di comunicazione, creando sfiducia sulla sicurezza dei suoi circuiti.

Finora il Cyber command, il braccio militare della National security agency (Nsa) creato sei anni fa, si era concentrato in gran parte su Russia, Cina, Iran e Corea del Nord, Paesi da dove proviene la maggior parte degli attacchi cibernetici. Ma mai aveva condotto operazioni contro l'Isis. "Lasceremo cadere cyberbombs, non l'abbiamo mai fatto prima", ha detto recentemente il vice segretario alla difesa Usa, Robert O. Work. Una revisione di ciò che dovrebbe essere fatto contro l'Isis è nell'agenda di Barack Obama oggi, quando incontrerà ad Hannover i leader di Gran Bretagna, Italia, Francia e Germania. Di questi sforzi, secondo il Nyt, la cyber campagna è l'ultimo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS