Navigation

Obama: la missione Nato in Libia proseguirà

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 settembre 2011 - 18:07
(Keystone-ATS)

La missione della Nato proseguirà "sino a quando la popolazione libica sarà minacciata". Lo afferma Barack Obama, a margine della riunione sulla Libia in corso al Palazzo di Vetro. Il presidente americano ribadisce anche l'invito alle forze leali a Gheddafi "a deporre subito le armi".

"Il popolo libico sta scrivendo un nuovo capitolo nella vita del proprio paese", ha proseguito Obama, sottolineando come in Libia servono ora "elezioni libere e giuste". Per il presidente, "di fronte ci sono ancora giorni difficili", ma alle spalle ci sono "decenni di tenebre". Per Obama quindi una cosa è chiara: "Il futuro della Libia è ora nelle mani del suo popolo".

Il presidente statunitense ha quindi sottolineato la necessità di compiere ogni sforzo per assicurare "una transizione democratica che sia pacifica, inclusiva e giusta. Una transizione tempestiva, con nuove leggi e una Costituzione che sostenga il ruolo della legge". Ma anche le parti politiche e "una società civile forte".

Obama ha anche annunciato che la rappresentanza diplomatica americana a Tripoli riapre i battenti.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?