Navigation

Obama all'UE, lenti nell'affrontare debito

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 settembre 2011 - 07:17
(Keystone-ATS)

In attesa della messa a punto delle misure ventilate per il risanamento dei debiti sovrani, il presidente Usa Barack Obama attacca l'Europa, colpevole ai suoi occhi di "non aver agito rapidamente, come avrebbe dovuto" per affrontare il problema del debito.

Un problema che, a suo dire, "spaventa tutto il mondo", e che vede i Paesi dell'Eurozona non all'altezza della situazione. Il duro atto d'accusa di Obama giunge durante una conferenza in cui il presidente ha risposto alla domande poste dal pubblico via linkedin, la rete che collega in tutto il mondo professionisti e operatori dei più vari settori economici.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?