Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'obesità fa male al cuore, già dall'infanzia. Uno studio olandese della VU University Medical Centre di Amsterdam, pubblicato sulla rivista 'Archives of Disease in Childhood', ha infatti rilevato i primi segni di malattie cardiovascolari nei bambini fortemente obesi, tra i 2 e 12 anni.

Alla ricerca hanno partecipato 307 bambini, i cui dati sono stati raccolti tra il 2005 e 2007. Sono classificati come gravemente obesi i bambini di due anni con un indice di massa corporea superiore a 20,5, e di 35 dai 18 anni in su.

I ricercatori olandesi in due terzi dei casi hanno riscontrato almeno un sintomo precoce di rischio cardiovascolare, come la pressione alta. "Il 62% dei bambini gravemente obesi sotto i 12 anni d'età - spiegano - presenta uno o più fattori di rischio cardiovascolare. Più della metà infatti ha la pressione sanguigna alta e sono stati riscontrati anche casi di 'colesterolo buono' basso, e livelli alti di glicemia che possono provocare il diabete di tipo II".

In altre parole una condizione che può portare a sviluppare malattie cardiovascolari già quando si è giovani adulti, e non con la mezza età, come ci si aspetterebbe.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS