Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le quindicenni hanno risultati scolastici migliori dei loro coetanei, ma si trovano più in difficoltà con la matematica e le scienze, spesso per mancanza di fiducia nelle proprie capacità. È quanto rileva un rapporto dell'Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) sull'uguaglianza nella scuola. L'inchiesta, realizzata in 65 Paesi, si basa sui dati raccolti per lo studio Pisa nel 2012.

Questa differenza, sostengono gli autori, "non ha alcuna motivazione innata", come prova il fatto che ci sono Paesi in cui le ragazzine hanno risultati uguali o migliori dei coetanei maschi in matematica. La spiegazione sta invece nelle "sensazioni sulle proprie abilità" degli studenti: "le ragazze credono meno nelle proprie capacità in matematica e scienze, e sono afflitte da una maggiore ansia per la matematica".

Nell'insieme dei Paesi Ocse, quindi, le ragazze che dicono di "non essere brave in matematica" sono il 50%, contro il 37% dei ragazzi, mentre quelle che ritengono di "imparare in fretta" in questa materia sono il 45%, contro il quasi 60% dei maschi. "Questi dati suggeriscono - conclude lo studio - che le disparità di genere in fiducia, motivazione e autostima sono più pervasive e fermamente radicate di quelle nei risultati". Secondo gli autori, la differenza fra maschi e femmine di ansia nei confronti della matematica è particolarmente significativa in Svizzera e Danimarca.

Dalla ricerca emerge inoltre che su dieci allievi con risultati mediocri in lettura, matematica e scienze, sei sono ragazzi (in Svizzera 56%). All'università le ragazze sono inoltre sotto-rappresentate nei settori della matematica, della fisica e dell'informatica. Svizzera, Germania, Portogallo, Slovacchia e Repubblica Ceca sono i soli Paesi dell'Ocse in cui la percentuale di donne diplomate in ambito scientifico è aumentato di almeno 10 punti dal 2000 al 2012.

La ricerca è stata realizzata partendo dai dati raccolti nel 2012 per lo studio Pisa, che aveva interrogato 510'000 giovani quindicenni. Pubblicato ogni tre anni, Pisa indaga le competenze in matematica, comprensione di testi, scienze e abilità nel risolvere problemi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS