Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Confederazione deve lanciare un'offensiva pluriennale nel settore della formazione professionale. È quanto sostiene un'iniziativa parlamentare del consigliere nazionale Felix Müri (UDC/LU) e sostenuta dalla Commissione della scienza, dell'educazione e della cultura del Nazionale (CSEC-N). L'atto parlamentare chiede a Berna di mettere a disposizione dei cantoni 200 milioni di franchi a questo scopo.

Una solida formazione professionale è la premessa per poter contare su numerose prospettive lavorative, afferma la CSEC-N in una nota. Continuano tuttavia ad esserci molte persone poco o per niente qualificate. Con questo aiuto - un massimo 50 milioni di franchi all'anno per quattro anni - si potrà incentivare l'ottenimento di un diploma professionale, lo sviluppo delle competenze di base e il reinserimento professionale, sostiene la commissione. Si stima che potrebbero essere interessate circa 600'000 persone.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS