Oggetti connessi via internet: più attenzione alla sicurezza

 Tutte le notizie in breve

Gli smartwatch sono uno dei dispositivi collegati alla rete.

KEYSTONE/AP/MARCIO JOSE SANCHEZ

(sda-ats)

Sempre più oggetti e apparecchiature sono collegati a internet, ma spesso produttori e utilizzatori si preoccupano troppo poco degli aspetti legati alla sicurezza, mette in guardia oggi la Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione (MELANI).

Si stima che nel 2016 oltre sei miliari di apparecchi fossero collegati a una rete internet. Entro il 2020, dovrebbero essere oltre 20 miliardi, scrive MELANI oggi nel suo rapporto semestrale.

Che si tratti di dispositivi cosiddetti "wearable" - come smartwatch e fitness tracker - di veicoli senza conducente o di sistemi di controllo di grandi edifici, tutte queste "cose" saranno sempre più collegate a internet. Ciò presenta dei rischi in particolare di abusi da parte di hacker, mettono in guardia gli esperti.

Tutti sanno che un computer fisso o uno smartphone devono essere aggiornati, ma quasi nessuno pensa che si debba fare anche per un interruttore intelligente o un frigorifero.

MELANI ha emesso quindi delle raccomandazioni che sono pubblicate su internet. Tutte queste apparecchiature devono essere protette con password individuali o un accesso limitato ed essere regolarmente aggiornate. È in particolar modo importante procedere anche agli aggiornamenti disponibili non appena si scoprono lacune critiche che possono essere sfruttate dagli hacker.

Nel suo rapporto, MELANI mette in luce anche attività di cyberspionaggio avvenute nel secondo semestre del 2016: hanno riguardato la Svizzera, senza che quest'ultima ne fosse però il vero bersaglio.

L'Agenzia mondiale antidoping (AMA) e il Tribunale arbitrale dello sport che si trovano a Losanna sono stati al centro dell'attenzione. Nel caso dell'AMA gli hacker miravano ad impadronirsi dei dati relativi ai controlli antidoping di atleti in tutto il mondo.

Un altro caso, che risale ad alcuni anni fa ma che è stato reso noto solo recentemente, ha colpito tre server dell'Università di Ginevra. Sempre nel secondo semestre dell'anno scorso, MELANI ha osservato numerosi tentativi di truffe: colpiscono soprattutto le imprese e possono causare ingenti perdite finanziarie.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve