Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Questa sera appuntamento con l'asteroide 2016 RB1, che 'sfiorerà' la Terra ad un decimo della distanza che la separa dalla Luna, ma senza alcun rischio per il pianeta.

La sua scoperta è stata annunciata meno di 24 ore fa dalla Survey del Mount Lemmon in Arizona, ma pur trattandosi di un passaggio molto ravvicinato, visto che si troverà a 40.000 chilometri dall'orbita terrestre, non c'è da preoccuparsi, assicurano gli esperti.

''Si tratta di un oggetto largo 10 metri, quindi piccolo, ma il suo passaggio, previsto per le 19.20 svizzere, è eccezionalmente ravvicinato'', commenta Gianluca Masi, responsabile del progetto Virtual Telescope, che ha contribuito all'osservazione e il calcolo della posizione di 2016 RB1.

''Sarà infatti appena al di là dell'orbita geostazionaria, quella del satellite Meteosat per intenderci - continua Masi - e la sua velocità rispetto alla Terra è di circa 8 chilometri al secondo. Va comunque detto che non rappresenta alcun pericolo per noi''. Purtroppo al momento in cui sarà più vicino alla Terra sarà ben visibile, anche con telescopi amatoriali, solo dall'emisfero australe, da Sudafrica e Australia.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS