Navigation

Olanda: quadro di Van Gogh rubato in un museo

Un quadro di Van Gogh è stato rubato la scorsa notte dal museo olandese Singer Laren, situato una trentina di chilometri a sud-est di Amsterdam. KEYSTONE/ENNIO LEANZA sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2020 - 18:40
(Keystone-ATS)

Un quadro di Van Gogh è stato rubato dal museo olandese Singer Laren la notte scorsa. Lo ha reso noto il direttore del museo, situato una trentina di chilometri a sud-est di Amsterdam.

Secondo quanto riposta l'agenzia di stampa olandese ANP, il furto ha avuto luogo alle 3.15. Una porta a vetri del museo Singer Laren - che era chiuso a causa della pandemia Covid-19 - è stata sfondata dai ladri. Gli agenti sono intervenuti dopo che l'allarme antifurto è scattato. Ma una volta giunti sul posto non hanno potuto far altro che constatare il furto.

L'opera dell'artista, "Giardino della canonica a Nuenen in primavera", era stata prestata dal museo Groninger, sempre in Olanda, precisa De Telegraaf.

Il direttore del museo, Jan Rudolph de Lorm, si è detto "scioccato e arrabbiato": "È un dipinto bellissimo e commovente di uno dei nostri più grandi pittori, rubato alla comunità".

Nel 1883 e nel 1884 Van Gogh era con i suoi genitori a Nuenen, dove suo padre officiava nella chiesa, raffigurata nel dipinto, in veste di pastore protestante e l'artista realizzò il quadro come dono per la madre. Alla morte del padre, nel 1885, Vincent modificò il dipinto.

"L'arte è lì per essere vista e condivisa da noi. Questo quadro deve tornare qui al più presto", ha aggiunto De Lorm. Sconcertato anche Andreas Blühm, direttore del Museo Groninger: "Speriamo che il quadro ci venga restituito il più presto possibile e integro".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.